mercoledì 27 dicembre 2017

Il pub chiude


Photo HelenTambo on Instagram

Nel quinto compleanno del mio blog, lo scorso novembre, avrei dovuto abbandonarmi ai festeggiamenti, invece chiudo i battenti. Ci penso da mesi, anzi se devo essere sincera la tentazione l’ho avuta più volte nel corso degli ultimi due anni, ma la decisione l’ho maturata durante l’estate, mentre continuavo a interrogarmi sul perché continuare a parlare di libri qui. Di fatto ho smesso di scrivere con regolarità dallo scorso mese di giugno. 
Nel corso del tempo sono stati tanti i motivi che si sono affacciati alla mia mente in diverse occasioni, magari su sollecitazione casuale esterna, e non è facile districarmi tra i pensieri che spesso si sono affastellati disordinatamente -quando insieme, quando isolati- per provare a dare una spiegazione a voi, miei ventitré lettori fissi. Ci provo comunque, in un elenco che non segue alcun criterio, tanto meno l’ordine di importanza, perché sono tutti motivi meritori di attenzione. 
Non ho più voglia e neanche il tempo per dedicarmi a un’attività che mi pesa, infatti ho capito che 
quando smette il piacere, è ora di finirla: inutile continuare a fare qualcosa che ci trasmette ansia da prestazione invece che piacere. Insomma non mi divertivo più. 
Stava diventando uno stress, soprattutto quando mi rendevo conto che leggevo in funzione del blog, che pensavo solo a ciò che avrei dovuto poi dire, senza abbandonarmi alla lettura per il puro piacere di leggere. 
Mi sono sentita poco libera di gestire i miei tempi e i miei spazi: un po’ per le imposizioni che mi davo da sola, un po’ per la pressione e la responsabilità che sentivo quando mi arrivavano richieste di autori, spesso autopubblicati o pubblicati in EAP, più raramente da editori. Alla fine leggevo per me o per fare promozione? 
Non credo più al blog come strumento di divulgazione: almeno per quel che riguarda me, che non sono mai entrata nell’olimpo dei blogger considerati e incensati. Si tratta di essere nel giro giusto, di avere amici che ti condividono e ti spingono, di editori che linkano i tuoi post nelle loro rassegne stampa. Poiché ho invece molta considerazione di ciò che scrivo e soprattutto di come lo scrivo (detesto la falsa modestia) sono arrivata alla conclusione che 
se anche puoi distinguerti, comunque sei un blogger tra i tanti e spesso i tanti non sono alla tua stessa altezza. Ho una formazione specialistica, provengo da studi di Linguistica e Letteratura, ma questo non è importante, non sembra essere una conditio sine qua non, ed è anche giusto così perché tutti i buoni lettori hanno diritto di esprimersi sui libri che leggono, la rete è democratica assai. Io molto meno, perciò preferisco scendere dalla giostra. 

Non smetto di leggere ovviamente, perché i libri fanno parte della mia vita da quando ero una bambina, e non smetto di parlarne. 
Continuerò a farlo attraverso la pagina Facebook nata originariamente per l condivisione dei post del blog. Continua per conto suo: ha buona visibilità (migliore di quella che può avere il blog), è più immediata, mi consente di scrivere in modo più estemporaneo, davvero quando mi va, se mi va e non sempre di tutto quello che leggo. 
Continuerò a scrivere solo dei libri che mi sono piaciuti, perché ho capito anche che le critiche non piacciono agli scrittori. Puoi essere circostanziato quanto vuoi, argomentare le tue critiche, essere preciso, cortese ma fermo, eppure le stroncature non piacciono, soprattutto se provengono da un blogger tra i tanti. Le critiche non le gradiscono gli scrittori e ancor meno le gradiscono i loro fan, pronti a scatenarsi sui social come veri e propri paladini della lesa maestà (spesso istigati dalla stessa “maestà”). 
Sono tempi brutti, la buona educazione social latita (una volta aveva un nome e si chiamava netiquette), il bullismo colto impazza: onestamente preferisco vivere. Quindi, solo libri belli. Continuate, se vi va, a seguire il mio gatto Pepe e me qui. Qualche buon consiglio lo troverete. 
Chissà poi cosa altro succederà, quale altra avventura mi aspetta, se mi inventerò altro. 
Per ora, grazie di avermi letto fin qui.
Elena ExLibris


PS. Il titolo del post è una citazione. Tra la fine degli anni Settanta e gli anni Ottanta, nel luogo dove vivo, esisteva un locale dove si faceva musica jazz e in generale intrattenimento. Lucio, il proprietario, a fine serata, per incoraggiare gli avventori ad andarsene, al microfono annunciava "il pabba chiudeee!". Bei tempi.

5 commenti:

  1. Io che sono stata tra i tuoi ventitré lettori fissi, ti capisco ma me ne rammarico.
    Me ne rammarico perché il blog ha un “tempo” diverso da quello dei social. Qui puoi tornare a leggere i post di due anni fa senza smarrirti nel marasma dei pensieri sparsi nella rete. Il blog è rassicurante, distrae meno, ti lascia più spazio per riflettere. Non lo scorri, ti fermi e leggi. E se lasci un commento, è un commento pensato, non un like.
    Lo dico da blogger tra i tanti che, come te, riflette di continuo sul perché continuare a dedicare del tempo ad un blog. Non ho la tua formazione, non mi sono imposta regole, ho smesso di parlare di tutti i libri che leggo e, pur avendo scoperto di non esser così democratica come pensavo, resisto perché ancora mi diverto.
    La rete offre tanti spazi in cui parlare di libri e, di certo, non ci perderemo di vista. Però questa chiusura mi rattrista un po’.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto grazie, Barbara, per la fiducia che nel tempo mi hai accordato.
      Per risponderti, ti dirò che mi trovi d'accordo sul fatto che nel blog nulla si perde (tra l'altro un indice e il menu aiutano a orientarsi), a differenza della pagina social, dove comunque i post che ci interessano si ritrovano scorrendo le immagini pubblicate.
      Sulla formazione specifica che secondo me ha una sua importanza, come ho già scritto, non sembra essere un requisito necessario ed è anche giusto così. Se ci ergessimo a critici letterari, riterrei indispensabile un certo tipo di provenienza culturale e di studi specialistici: ma il web dà spazio a tutti quelli che decidono di parlare della propria passione. Per fare un esempio, non tutti i blogger di cucina escono da scuole di alta cucina, eppure sono bravissimi e danno ricette e consigli preziosi. Tuttavia mi inquietano alcuni fenomeni che, soprattutto grazie a Twitter, si sono manifestati negli ultimi anni, per cui basta lanciare qualche hashtag a caso, procurarsi migliaia di follower, spandere citazioni da libri appena usciti per aiutarne la diffusione e ci si ritrova influencer dal nulla.
      Ecco, questo mondo, il mondo dell'editoria così come viene presentato da certi uffici stampa che operano sui social, non mi piace e non mi appartiene. Per questo, libertà per libertà, scelgo la libertà di tornare ad essere una semplice lettrice, lontana da qualunque logica del do ut des che spesso avvelena questo ambiente, condizionando -per non dire addomesticando- i giudizi.
      Ciò detto, il blog chiude nel senso che non verrà più aggiornato, ma resta qui, a disposizione di tutti.
      Poi chissà cosa altro mi inventerò, forse. Di certo, no, non ci perderemo di vista.

      Elimina
  2. Ciao a tutti, mi chiamo Theresa Walker, sono sposata da 20 anni con mio marito e abbiamo due figli, Elder uno 16 e più giovane ha 11 anni. Mio marito mi ha amato molto ma arriva ad un punto in cui è coinvolto in una relazione con una donna che è la sua collega. Non l'ho mai immaginato, ma in qualche modo il suo atteggiamento nei confronti di me e dei bambini è cambiato, il suo ritardo dal lavoro mi ha fatto riflettere sull'argomento, anche nel mio 20 ° anniversario di matrimonio a marzo, mi tengo lontano dal sesso come promettiamo di farlo sul matrimonio anniversario, sarà di nuovo la nostra luna di miele, 15 giorni prima del matrimonio, ha confessato che sì ha fatto sesso con lei. L'ha portata nel mio letto quando ero fuori per lavoro, lui lo sa, ma lo ha fatto prima del giorno dell'anniversario del matrimonio sul mio letto, significa che i miei sentimenti per lui erano totalmente senza valore, la mia condizione mentale è piena di agonia, penso di non posso dimenticare e recuperare il dolore, questa donna aveva il pieno controllo di lei e non avrei mai voluto farlo con Violence, voleva conquistarmi mentre era divorziata, ha detto che era gelosa della nostra relazione e che avrebbe rovinami prendendo mio marito
    Ho dovuto discuterne con un amico che mi ha chiesto di trovare un buon incantatore, prima di tutto non ho mai creduto in questo spelling di Cast ma devo provarlo fino a quando mi sono imbattuto in un'email di PROPHET JOSEPH UGO su internet su come ha aiutato così tante persone a ottenere il loro ex back e aiutare a sistemare la relazione e rendere felici le persone nella loro relazione e alcune altre storie riguardanti la malattia spirituale e altro, ho spiegato la mia situazione a lui e mi ha aiutato a svolgere alcune preghiere, alcune erbe e radici e un piccolo sacrificio che ho fatto, e prima di 7 giorni mi ha chiamato, è tornato per chiedere scusa ed è stato proprio un miracolo per me, sono felice oggi che mi ha aiutato e posso dire con orgoglio che mio marito è ora con me di nuovo ed ora è innamorato di me come mai prima d'ora.
    Hai bisogno di aiuto nella tua relazione, come riprendere il tuo uomo, moglie, fidanzato, fidanzata, vincere lotterie, cure a base di erbe per malattia o promozione del lavoro, brutti sogni, problemi in tribunale, qualsiasi tipo di problema spirituale, spettatori che leggono il mio post che ha bisogno di aiuto per qualsiasi problema di vita dovrebbe contattarlo.

    Email: karnataka.temple@gmail.com
    WhatsApp: +34631686040

    RispondiElimina
  3. Mio marito mi ha lasciato per una donna più giovane e sono stato devastato. Era come se lei lo avesse avuto sotto un malefico incantesimo, Paul si era rivoltato contro di me durante la notte senza alcun preavviso. È successo l'anno scorso, ero disperato, quindi ho usato ogni singolo sito web di incantesimo che potevo trovare senza risultati. Un amico mi ha mandato il link al sito di Dr. Ilekhojie e l'ho contattato. Ha iniziato a lavorare con me a giugno. Come risultato di tutto il suo meraviglioso lavoro, il mio uomo e io siamo di nuovo insieme. Sono così felice e privilegiato di avere una persona fantastica come te dalla mia parte. Grazie! Il contatto di Todd gethelp05@gmail.com o chiama il +2348147400259

    RispondiElimina
  4. i got my ex back immediately after i contacted Dr. Ogbidi. you can also contact him via: Email ogbidihomeofsolution1@gmail.com or whatsaap/call him on +2348052523829 incase you need any spell work or help to get pregnant.

    RispondiElimina